Jump to content

All Activity

This stream auto-updates     

  1. Past hour
  2. CULTURA A FUMETTI

    Avete ragione, si. Ed iniziando ieri sera a consultare i miei testi, cominciavo a sospettare anche io che Scotti avesse indovinato. " I clamorosi colpi della Banda Bassotti " è una raccolta di storie bassottesche realizzata negli anni '70, che insieme ad altre è sul mio scaffale. Vedo le prime tavole dei personaggi, erano un po' diversi ancora, e leggo di come Barks li abbia creati. Gli servivano degli antagonisti verso Zio Paperone accumulatore seriale di miliardi. E sono i Beagle Boys. Diventati qui da noi la Banda Bassotti. Loro sono super accessoriati, alla bisogna tirano fuori qualche parente con caratteristiche peculiari, è vero, Nonno bassotto più o meno graziato per limiti di età, ma sempre disposto a furti e raggiri, compariva anche spesso. E per un certo periodo si vedeva in giro Ottoperotto con mascherina regolametare. Lui, può indurre in errore, perché a guardarlo, è un bassotto. E' ufficiale, i Bassotti sono parenti di Snoopy.
  3. Si. Mi piace. Incontriamoci tutti li. Presto ..................
  4. Today
  5. CULTURA A FUMETTI

    Sapevo che i Bassotti eranoin origine Beagle Boys inc.Paradossalmente avevano il cane Ottoperotto (sulla mantellina naturalmente 64).E il loro nonno che sulla targhetta invece del numero aveva "grazia".1234-U il Bassotto obeso e traditore della banda.i Bassottini.Famiglia numerosa...
  6. Yesterday
  7. Si',certo,del resto ,anch'io ,attualmente,non potrei partecipare
  8. DI GRAN CARRIERA ARRIVANO LE FESTE

    Ma anch'io sono ottimista in fondo al mio pessimismo
  9. CULTURA A FUMETTI

    In effetti mi risulta che il loro nome originale sia Beagle Boys, trasformato in italiano in Banda Bassotti per mantenere l'acronimo B.B. Aggiungo: ricordo una serie intitolata "la Dinastia dei Paperi" in cui tutti i notri personaggi comparivano con moni leggermente diversi ma ruoli analoghi in vari periodi storici e i Bassotti aveno sempre nomi inizianti per BB: nell'anti Egitto Beduini del BassoNilo, in un'altra era che non ricovdo Bravacci della Brughiera etc
  10. IL FLEXY DISC

    Un disco flexi non pubblicitario. Non pensavo ne fossero esistiti. A fine '60 avuto il solito corso di inglese con i dischi, per esempio. Ma i miei dischi erano i soliti quarantacinque rigidi.
  11. CULTURA A FUMETTI

    Che poi sarebbe la razza di Snoopy, in un altro universo. Lucy lo apostrofa spesso " stupido bracchetto ". La faccenda andrebbe comunque approfondita sui testi ufficiali. E forse, so dove fare una consultazione attendibile. Poi vi relaziono. Non ricordo di aver trovato altrove l' attribuzione di Scotti. E poi, sono Bassotti, no? Per definizione.
  12. Bella domanda. Be', aspettiamo la bella stagione. Che alla Nostra età, dobbiamo riguardarci.
  13. DI GRAN CARRIERA ARRIVANO LE FESTE

    Sai che ti dico? Indipendentemente da " tutto ", in fondo io resto un ottimista. Così ottimista, da ponderare seriamente di emulare Willie qui sopra...........
  14. Allora,quando e dove si fa il raduno?
  15. PAPEROGA O SGRIZZO PAPERO?

    Mai sentito ,ne' visto Sgrizzo Papero
  16. CELENTANO

    Celentano,nonostante le tante cadute canzonettistiche e non ,resta un grande, specie per i primi anni rock e per certe grandi canzoni("Stai lontana da me","Mondo in mi 7","Azzurro"e la piu' bella di tutte ,"Il ragazzo della via Gluck")
  17. DI GRAN CARRIERA ARRIVANO LE FESTE

    Ritorno dopo i "non bagordi"delle feste e solo ora dopo l'abbuffata dei "Tanti auguri .." e"Buon qui ,buon la'",perfino dal profugo sottocasa o dalla vicina che non ti saluta mai ,vi auguro di star bene(che e' la prima cosa),cercando di vedere sempre il bicchiere mezzo pieno.Buon Anno Nuovo ,adesso!
  18. CULTURA A FUMETTI

    A proposito della Banda Bassotti,qualche tempo fa ascoltai una domanda ,mi sembra a"L'eredita'",anzi no a quel quiz folle di Gerry Scotti,dove praticamente si affermava,che i Bassotti erano in realta' dei beagles,mi sembra un po' strano ,no?
  19. Addio,monicelli..

    Titti Bianchi vinse un'edizione del Festival degli Sconosciuti di Ariccia e si fermo' giusto a"Maga Mago'"(salvo poi tornare ,come molti,nelle orchestre di liscio).Edda Ollari era la cantante dalla lunga treccia,mi ricordo giusto due canzoni,la gia' citata"Che tu mi baciassi"e"Un pezzo d'azzurro",anche lei mi sembra che giri attualmente per balere
  20. URCA!

    Flora Fauna e Cemento e' un gruppo che ,almeno,per la parte femminile ,non e' molto identificabile,visti i continui cambi di formazione.Le due ragazze dovrebbero essere Barbara Michelin ,la bionda ,alta e Manuela Mantegazza,la bruna,anche perche' Mara Cubeddu entro' nel gruppo nel 1972 e il brano ,in questione e' del 1971.La Mantegazza,se non sbaglio ,fu anche la moglie di Claudio Rocchi
  21. IL FLEXY DISC

    Un flexy molto particolare era quello allegato al libro di grammatica italiana della mia scuola media,dove una voce perfettamente impostata approfondiva il discorso sulla fonetica.L'editore era Lattes
  22. Last week
  23. Emma&John

    E' vero quanto dici sulla seconda serie: le atmosfere e anche il ritmo delle storie presentate negli episodi era differente rispetto alla serie con Emma Peel. Spesso le storie erano più spostate sull'azione in stile direi "americano", tipo le molteplici serie poliziesche (americane, appunto) che pure abbiamo conosciuto negli anni. La serie precedente invece dava l'impressione di stare più sul "britannico" e non soltanto per la sigla dove si vede John Steed con la classica accoppiata bombetta-ombrello! Forse, come successe pure agli episodi delle due stagioni di Spazio 1999, per tentare di avvicinarsi di più ai gusti di altro genere di pubblico - nel caso della seconda stagione di Spazio 1999, quello americano? Inoltre, essendo cambiati gli anni, dagli anni 60 ai 70, inevitabilmente si nota la differenza di stile, a parte il cambio dei personaggi. Mai visto invece la versione cinematografica.
  24. Emma&John

    Mi è piaciuta abbastanza, la versione anni 70/80 della serie. Ma non proprio come la prima versione. Le atmosfere, diverse. E poi, non c' era più la Signora Peel. Se guardate il secondo filmato, quello dove ci raccontano degli episodi perduti, vedete anche la foto di John Steed prima maniera. Insieme ad un altro tizio. Con l' impermeabile classico da spia classica. Ed un atteggiamento serio da spia seria. La bombetta e l' ombrello ancora dovevano venire. Interessante la versione per il cinema della serie. Verso il '95, più o meno, con Finnes/Thurman. Ripreso il tema musicale, leggermente migliore nel suo personaggio, Uma Thurman che non Ralph Finnes come Steed. Ma, dignitoso anche lui. Da segnalare poi Sean Connery nella parte del genio cattivissimo di turno. Da manuale. Il manuale di AnimaMia.
  25. Completate Questa Pubblicità

    Vero. C'è stato, se così posso dire per rendere l'idea, una specie di "appiattimento" riguardo le marche dei vari prodotti. E non soltanto per il caffé. Può essere un bene da un lato ma... dove la mettiamo la solita, a volte un po' vaga, nostalgia che ogni tanto ci prende ripensando pure a questo?
  26. PAPEROGA O SGRIZZO PAPERO?

    Ho dato un'occhiata veloce alla pagina di Wikipedia: davvero, anche io ignoravo molti di questi personaggi. Alcuni invece li ricordo, menzionati brevemente nelle storie, come ad esempio Cornelius Coot che veniva descritto come uno dei fondatori - o primissimi abitanti - di Paperopoli. Curioso leggere le varie voci a proposito di questi personaggi minori: parrebbe quasi si trattasse, nomi improbabili a parte, di qualcuno esistito per davvero! Dove giunge la fantasia umana!
  27. Emma&John

    Beh, ovviamente era difficile che noi, comuni fruitori dei programmi televisivi, fossimo a conoscenza di questi fatti riguardanti le prime serie di questi telefilm. Salvo essere degli appassionati esperti del genere oppure ovviamente aver letto da qualche parte di tutto ciò. Pare assomigli allo stesso destino capitato a molte produzioni della RAI, magari buttate nei bidoni dei rifiuti chissà quanti anni or sono. Produzioni anche notevoli a volte, di cui ora alcuni che le ricordano si chiedono dove mai siano finite. Personalmente mi piaceva molto l'accoppiata dei personaggi John Steed/Emma Peel, anche per la complicità personale che traspariva durante lo svolgimento delle storie narrate negli episodi. Ovviamente, indovinati - e bravi - i relativi attori. Mi piacquero altresì anche gli episodi della serie successiva, anni 70, The New Avengers o, come la conoscemmo noi qui in Italia, Gli infallibili tre, sempre con Patrick MacNee nei panni di John Steed ma con Joanna Lumley e Gareth Hunt che impersonavano i nuovi partner di John Steed.
  28. Emma&John

    Non ne sapevo niente!Emma Peel /Diana Rigg l'ho ritrovata orgogliosamente vecchia nel "Trono di spade".Discreto il rifacimento con Ralph Fiennes ed Uma Thurman (se non sbaglio,il che purtroppo sta diventando quasii la norma) nei panni dei nostri eroi.
  1. Load more activity
×