Jump to content

Bruno Cortona

Members
  • Content count

    7,015
  • Joined

  • Last visited

Community Reputation

0 Neutral

About Bruno Cortona

  • Rank
    V.I.P. Member

Recent Profile Visitors

658 profile views
  1. CHEWING GUM

    "Vuoi un ciuìngam?" (mia madre,accento sulla i) "Hai una cingomma?" (bambine) "Vuoi una cicca ?" (forse perchè c'era una marca che credo si chiamasse Cyclets) "Hai una tiramolla?" (dall'abitudine di alcuni di tirare una striscia fuori dalla bocca e poi mollarla ad elastico) "Vuoi una gomma?" Vabbè,non è un cibo...
  2. studio uno

    Insieme a "Biblioteca di Studio uno" il meglio del meglio
  3. Completate Questa Pubblicità

    .........dà forza
  4. AUREO LIBRICCINO

    In questi mesi e mesi di soggiorno obbligato a casa per malattia (finiranno i soldi?) vedo film belli discreti brutti e orrendi e leggo libri da capolavori a orrendi.Mi è capitato sottomano "Il calcio azzurro ai mondiali" di Gianni Brera,Campironi editore,acquistato in edicola poco prima dei mondiali del 1974.Scritto meravigliosamente,leggevi delle imprese italiane del 1934 e 38,della grande Ungheria del 1954 (i mondiali più belli di sempre,Brera li descrive da par suo)"la squadra d'oro" trafitta dalla Germania in odore di doping in finale per 3-2 ( avevano perso con i magiari in qualificazione 8-3 ma avevano spaccato Puskas; Ungheria che va subito 2-0,rimonta dei panzer,Puskas riuscì disperatamente da terra a pareggiare a poco dalla fine ma l'arbitro annullò per fuorigioco).Costava poco,quel libriccino ; era finita la seconda liceo,nulla all'orizzonte.Pregustavo il mondiale cui l'Italia arrivava imbattuta da tempo con un record di Zoff di una valanga di minuti.Poi andò a finir male. Era fuorigioco ? Guardate il secondo giocatore alla destra di Ferenc Puskas ! E la traversa di Kocsis "testina d'oto".Spazi larghi,marcature inesistenti,portieri cosè cosiì ? non mi importa. E crucchi tutti con l'epatite A pochi giorni dopo.Furto con scasso,peccato
  5. Completate Questa Pubblicità

    Non ho replicato per Camay perchè ne abbiamo parlato che è poco.Confermo i turtelèin Fioravanti.Ma era facile...
  6. L'APPRODO

    Mi sembra di ricordare : immagine fissa su un muro bianco con un quadro con una barchetta di pescatori in secca.La musica non la ricordavo,è comunque su youtube ."Sigla terrificante" la definisce chi ce l'ha messa perchè da bambino gli faceva paura.Su wiki leggo che andò in onda dal 1963 al 1972.In una puntata del 1963 : intervista ad Albert Camus e ad altri intellettuali.In prima serata ! Davvero altri tempi. A me la sigla (immagine fissa e musica) invece trasmetteva una sensazione di pace.
  7. Completate Questa Pubblicità

    Sono buoni,sono tanti ................................. (troppo facile?)
  8. LA POSTA DI PADRE MARIANO

    Sì è stato beatificato
  9. LA POSTA DI PADRE MARIANO

    Non lo guardavo giuro,ma come esordiva me lo ricordo bene : "Pace e bene a tutti" Penso che tuttora sia l'augurio migliore
  10. EDDIE "FAST" FELSON

    Ho rivisto recentemente "Lo spaccone" : magnifico.Invece non avrei voluto vedere "Il colore dei soldi" : vestito da impiegato,vecchio,baffi e occhiali.Va bene,Paul Newman era così,era invecchiato.Ma Eddie Felson no
  11. GLI URLATORI

    In opposizione al melodico della Pizzi e Villa.Nel film "Urlatori alla sbarra" c'è un frastornato Chet Baker ,che più che cantare sussurra.La mia canzone preferita,credo dedicata ad Anita Ekberg:,la ascoltavo da piccolissimo
  12. Freddo Polare All'ambra Jovinelli

    "pomeriggio tragico quando il padre scopre che fra noi/non è amor platonico come usava ai tempi suoi" (lei è minorenne) in "Pomeriggio ore 6" dell'E'quipe 84.Nel video diventa "non è tutto facile come usava ai tempi suoi"
  13. GLI AMICI SE NE VANNO

    "Pietre" è un palese plagio di "Rainy day woman..." di Dylan. Mi colpì quando Antoine raccontò di aver imparato l'italiano in una settimana da Herbert Pagani. Gira per i mari con la sua barca e se ne frega di tutto : bravissimo. Curioso come pensassi che Ugolino fosse morto...invece ha 77 anni. Avanti così!
  14. Film mai visti

    Atsalut pader (ti saluto padre) è sulla vita di Padre Lino,figura mitica qui a Parma.Lo interpretò Gianni Cavina (diversissimo dal frate,che era segaligno e con un mento pronunciato...più di quello di Pflip).Comunque non l'ho visto.Vi furono polemiche di campanile perchè la lingua sembrava dialetto bolognese e non parmigiano.
  15. Freddo Polare All'ambra Jovinelli

    Per DARE nell'occhio (il palo)
×