Jump to content

1960

Members
  • Content Count

    6,339
  • Joined

  • Last visited

Posts posted by 1960


  1. Dunque ............. a quanto pare questi qui sono la stessa cosa.                                                                                                                                                                          

    bip-bip-0.jpg

    RoadRunner-1.jpg


  2. 10 hours ago, gimmy said:

    ...............................................

    PS aiuto, avevo scritto "qua" con l'accento !!! (e non posso neanche dare la colpa a qualche correttore automatico....ora ho corretto)

     

    E' che voi non vedete quello che scappa di scrivere a me, parecchie volte.

    Di solito, riesco a correggere prima.

    Almeno credo .........


  3. Dopo aver trovato miracolosamente ( o quasi ) la strada giusta, sono emerse varie informazioni su questa serie di cartoni animati di tanto, ma tanto tempo fa.

    In rai tv passò solamente una volta.

    Nel 1963, dicevamo.

    Ho trovato anche la programmazione precisa, con date ed orari.

    Come per altre trasmissioni del tempo della nostra infanzia, anche per Joe delle Api conservavo l' impressione di una serie lunghissima.

    Ma, in realtà gli episodi furono solamente tredici.

    Quindi, direi che per ricordare, bisogna aver centrato la finestra temporale giusta.

    Una finestra non molto larga, tutto sommato.

    Joe delle Api era contenuto in un' altra trasmissione della tv dei ragazzi.

    Sembrerebbe trattarsi di Giramondo, allora definito come " cinegiornale dei ragazzi ".

    Al suo interno, furono anche trasmessi i famosi telefilm che da noi furono reintitolati " Avventure in elicottero ".

    E non solo quelli.

    Ho trovato la programmazione Tv di quel periodo.

    In questi giorni la metterò qui di seguito.

    Sto leggendo io stesso quel vasto materiale.

    Credo che ci saranno alcune sorprese, ed altri ricordi emergeranno.

    Adesso, è bene che io vada a dormire.


  4. Come spesso accade, una produzione tv, anche se passata, lascia un segno maggiore nel suo paese d' origine.

    Ed  infatti in francia Joe delle Api lo si trova anche in DVD.

    L' editore francese però si sbaglia.

    Sulla copertina si legge " Le mie serie ( degli anni ) '70 ".

    Da noi è passato in rai tv nel 1963, la produzione francese è del 1960.

     

    dvd-joe-chez-les-fourmis.jpg


  5. Joe delle Api è in effetti abbastanza " raro " in rete.

    Ci sono voluti anni per scovare qualcosa.

    La situazione è migliorata un poco nel momento in cui qualche particolare in più è stato messo a fuoco.

    Per esempio, si tratta di una produzione francese, e NON, americana.

    " Joe a casa delle api ".

    Quindi, per molto tempo ho cercato " nel posto sbagliato ".

    Con le informazioni in più, vi dicevo, ho trovato altro.

    Per esempio, qui sotto.

    Oltre tutto, non è materiale che viene da youtube...........

    ...............le cose rare vanno cercate anche altrove, dappertutto.

    In ogni caso si tratta di un episodio completo, sembra il primo, con la sigla anche.

    E' in francese ( lingua originale dunque ), ma il tema musicale è esattamente quello che mi è rimasto in mente da quei giorni.

    Proprio come me lo ricordavo.

    A dire il vero, io ricordavo solamente la parte fischiata, non so se sulla rai tv nata da poco, passava anche la parte cantata.

    Forse no, per aggirare il fattore lingua.

    Ho scoperto che la serie è stata trasmessa da noi nel 1963.

    Incredibile, avevo tre anni.

    E me ne sono sempre ricordato, per una vita.

    Ho trovato altro materiale, altre informazioni.

    Un poco.

    Poi posto qui.

     


  6. Ho ritrovato l' Alvin Show, quello vero.

    Quello che vedevamo Noi.

    E' in lingua originale.

    Ci sono tutti quanti.

    Anche il Professor Crashcup e Leonardo.

    E pure il carrello !

    Da 14:23.

    Ancora una volta rimengo sconcertato.

    Ho guardato dopo più di mezzo secolo la sigla del cartone animato, e sono riemersi, ne sono sicuro, ricordi per immagini che non lo sapevo che potessero essere ancora " li ", da qualche parte nella mia Memoria Bambina.

    Anche l' ingresso del Prof. circondato dal numeroso uditorio, le persone che assistono alla sua lezione sono appena abbozzate, giurerei di ricordarlo.

    Evidentemente quella rappresentazione della sua entrata in scena doveva essere una costante, non può essermi rimasta traccia proprio di quell' episodio.

     


  7. Alvin non è il solo esempio.

    Da qualche anno circola, pure, Calimero degli anni 2000.

    A colori anche lui, dopo essere nato in bianco e nero per Carosello, tanto tempo fa.

    Ormai vive una vita propria, non sono più gli episodi di due minuti per fare pubblicità al detersivo Ava ( Come lava ! ).

    Ai personaggi originari, tutto sommato erano pochi e circoscritti, se ne sono aggiunti altri che in Carosello non c' erano.

    C' è anche una pulcina Calimero-equivalente, si chiama Priscilla.

    Ed altri personaggi più o meno avicoli.

    Qualcuno già esisteva agli esordi, ma ha cambiato valenza.

    Il molesto Papero Piero che trattava così male Calimero, ora è più amichevole.

    Va bene così.

    Vecchi personaggi, aggiornati per i Nuovi Bambini.

     


  8. On 11/7/2018 at 9:11 AM, Bruno Cortona said:

    Quando guardavo l'Alvin Show credevo che Alvin Teodoro e Simone (occhialuto) fossero dei bambini e Dave Seville il loro papà.Solo vedendo un pezzetto del film ho capito che erano scoiattoli.Nessun ricordo di Joe delle api.Nell'Alvin show c'era anche il siparietto del Professor Crashcup (il nome l'ho capito solo da poco,a scuola lo chiamavamo Cregscap) che parlava in pugliese ("il carrello Lionerdo!" al suo assistente;su Wikipedia mettono "Lionerdo il carrello!").

    Ho un disco dei Canned Heat dei 60...

     

    Vedo che gli effetti della troppa umanizzazione di questi personaggi non hanno colpito solamente me.

    Anche se come vi raccontavo, trovo che in particolare le nuove versioni anni 2000 di Alvin&soci risultino un po' troppo marcatamente umane, non sono sicuro di non avere già scambiato anche io questi personaggi per bambini, mezzo secolo fa.

    Stessa cosa per me, anche per il Professor Crashcup.

    Non avrei mai saputo pronunciare il suo nome, quando avevo cinque anni.

    Leonardo, di lui mi è rimasta attaccata indelebilmente una frase ripetitiva.

    Ricordo un " Leonardo ha fatto invenzione ! ".

    Credo fosse quel leonardo li, probabilmente la pronunciava lo stesso assistente del Professor Crashcup, riferita a se stesso citandosi in terza persona.


  9. On 11/6/2018 at 7:20 PM, gimmy said:

    Vero, neabche una citazione in italiano (strano ero convinto qualche anno fa di averlo trovato), e anche cercando Joe e bees non mi salta fuori nulla. Condannato all'oblio ahimè.

    Invece (OT) con grande soddisfazione sono riuscito a rintracciare il testo di una poesiola studiata alle elementari (che mi era tornata in mente pensando al comportamento della gatta quanto sente i miei passi sul pianerottolo)

    Scoccan le sei, bambini. Ora sbrigate
    ogni cosa, chè il babbo è qui. tra poco,
    i balocchi levate; e tu per la marmitta attizza il fuoco.
    Che vento freddo, che brutta serata
    per la povera genti abbandonata!
    M a il babbo vien col suo passo robusto,
    chè lui non teme il buio della sera,.
    quasi ci prova gusto a sentirsi sferzar dalla bufera.
    E non ha freddo, chè si porta in core
    di questa famigliuola il caldo amore.
    Ecco il babbo, bambini! Il passo è questo:
    state sicuri non posso sbagliare.
    Corri, Bettina, presto! Apri la porta, non farlo aspettare.
    Batti, batti le mani, piccino:
    eccolo sulla soglia, il tuo babbino!

     

    Li trovo apprezzabili, i ricordi di questo tipo.

    In particolare nei periodi in cui ci si sente un po' a pezzi, ci si rende conto che il tempo è passato per davvero.

    E non sarebbe il tempo che è passato, neanche.

    Questo sta nel conto.

    E' la constatazione che alcune cose sono andate come non si sarebbe voluto.

    Quindi, si tende a ricordare quel primo periodo della vita, in cui si dava per scontato che tutto sarebbe andato bene.

    E poi, ci si organizza per passare al meglio possibile il tempo che rimane.

    Se no, a che sevono le esperienze passate che Noi vogliamo ricordare.

    Anche qui.

     


  10. In effetti non penso che le versioni con umani Sturmtruppen-ispirate, possano essere ritenute particolarmente memorabili.

    Vista qualche sequenza sulle tv privatine minori, niente che mi convincesse a continuare la visione.

    Le Sturmtruppen disegnate, le trovo invece apprezzabili.

    Con la loro ironia ed i loro paradossi.

    Comunque il B-movie con Hittler che scappa me lo sono perso.

    Sapevo solo dell' esistenza degli sturmtruppen con Pozzetto, Banfi&co.

    ..................... mi sa che non mi sono perso niente, eh.

    E secondo me, neppure Bonvi era molto contento di quelle versioni cinematografiche, liberamente ( mooolto liberamente ) ispirate.


  11. Si, è vero.

    Nello stesso periodo vedevamo anche Joe delle Api.

    Miniaturizzato, ed alleato delle api contro le vespe.

    Non ne ho trovato traccia, in giro.

    Forse cercando meglio, magari sui siti americani .............


  12. Da parecchio tempo già mi ero accorto delle nuove versioni.

    Una cinquantina d' anni fa e pure un poco oltre ( prima metà anni '60 ), non me lo perdevo, Alvin.

    In bianco e nero, probabilmente lo era anche all' origine.

    Lui ed i suoi due amici, sono scoiattoli.

    Più o meno antropomorfizzati, portano il berretto, le scarpe, e maglioni fuori misura.

    Uno di loro porta gli occhiali.

    Ed abitano con un umano.

    Parlano, pure.

    Con una vocetta acuta, sono scoiattoli.

    Non se ne è saputo più nulla per mezzo secolo.

    Poi sono riapparsi.

    A colori.

    Quasi umani, più che antropomorfizzati.

    Hanno un guardaroba più articolato, e per quanto ho capito vanno pure a scuola con gli umani.

    Dai quali tutto sommato si differenziano solamente perchè loro hanno la coda.

    Qui sotto li vediamo come erano, anche se non proprio in originale, questo è un Carosello italiano.

    I famosi formaggini Prealpi.

    Se li mangiavi, ti davano pure i dischi a 45 giri dello Zecchino d' oro.

    Ed eccoli più giù come sono diventati.

    Oltre ad essere colorati, gli hanno anche fabbricato tre fidanzate-scoiattole.

    Quasi umane pure loro.

    E, fateci caso, se nel '64 avevano quattro dita per ogni mano come capita ai cartoni animati, adesso ne hanno cinque.

    Con il tempo deve esserne cresciuto uno in più.

     


  13. Verso il sessantotto o giù di li avevo seguito tutte le puntate di Non cantare spare.

    Poi, avevo rivisto qualche pezzo qui e la di recente, una cinquantina d' anni dopo quando la serie è ripassata in orari notturni.

    Il sospetto che la canzone qui sopra venisse dalla vecchia trasmissione, mi era venuto vedendo l' immagine, la foto.

    Che in effetti potrebbe venire da Non cantare spara.

    Anche se, la canzone non ne faceva parte.

     


  14. 12 hours ago, Bruno Cortona said:

    ............... vuoi vedere che hanno scopiazzato il titolo del nostro spaghetti western ?

    R-9479794-1481310170-9780.jpeg.jpg

    31018.jpg

    Penso che non fosse cosa rara, nel periodo.

    Davvero strano, quasi paradossale, ma l' improbabile genere del western all' italiana è poi finito ad ispirare l' originale made in USA.

    Vi avevo già raccontato di aver letto che Eli Wallach, quando gli proposero la parte di Tuco nel film " Il buono, il brutto, il cattivo ", aveva osservato che secondo lui parlare di un ipotetico western all' italiana, poteva essere la stessa cosa che parlare di pizza hawaiana.

    Poi cambiò idea.

     

     

×