Jump to content

1960

Members
  • Content Count

    6,582
  • Joined

  • Last visited

Posts posted by 1960


  1. E' uno stile di disegno più  " calmo ", vero ?

    Mi riferisco, lo sapete, al confronto con gli stili, pure degni di considerazione, dei nuovi disegnatori Disney italiani.

    Già l' ho detto, ed ancora lo ripeto, ad ogni generazione ( di disegnatori ma anche di lettori )  il proprio stile.


  2. Nel " Mio Cinema ", quelle delle foto, la maschera non c' era.

    Neppure durante, che so io, gli spettacoli serali o festivi.

    Mi ricordo tutto il resto.

    Sono ricordi per sensazoni.

    I fumatori ed il fumo attraverso il quale si propagava il raggio luminoso dal proiettore.

    Le insegne neon pubblicitarie, sotto lo schermo, di solito un grande marchio come Campari, si.

    E la canzone diffusa dal sistema audio ( Sistema audio ?? Si, insomma, gli altoparlanti sui muri della sala. ) durante l' intervallo.

    Di solito, la canzone veniva troncata bruscamente quando cominciava il film.......

     

    Dietro di me, in tv, in questo momento va Rai Storia.

    Sta passando quel programma ( visto già negli ultimi due anni e su vai canali, anche ) che si intitola " Il tuo anno ".

    Anni '60 per immagini, una puntata per ogni anno del Nostro Decennio.

    Oggi è di scena il 1969.

    Mi accorgo che le immagini sono proprio quelle dei cinegiornali-documentari-attualità che passavano sullo schermo del Mio Cinema in quei pomeriggi.

    La voce fuori campo è sempre la stessa, non ho mai saputo di chi fosse.

    Il ........... narratore sembra sempre felice e contento, e puntualmente prende ( neanche tanto ) velatamente in giro questo o quel personaggio oggetto della cinematografica attenzione.

    Poi, un breve servizio dove si avvertiva il Me che ancora vive negli anni '60, " che fra poco più di trent' anni inizierà il favoloso ventunesimo secolo ".

    Non si usava ancora riferirsi anche, al " terzo millennio ".

    Come sempre le aspettative sul futuro sono elevate.

    Tutto, dovrà andare meglio.

    Poi non è esattamente così, che andrà.

    Tante, tantissime cose sono diverse, almeno questo, genericamente era ragionevole prevederlo.

    In meglio ?

    In peggio ?

    Alcune cose, ed alcune altre...........

    Comunque sia, vedo la magnificata presentazione di - udite udite - una segreteria telefonica per casa !

    Che risponde al telefono quando voi non ci siete.

    E' un cubo da quaranta centimetri di lato, almeno.

    Con due bobine di nastro da registratore in evidenza.

    E sospetto costasse un botto.

    Nel mio stabile presente di allora, la scuola elementare a qualche centinaio di metri dal cinema.

    Quando tornavo a casa, a piedi, passavo ad un certo punto davanti ad un grosso cartellone.

    Sopra, ogni settimana, al massimo dieci gorni, incollavano la locandina con il nuovo film proiettato al cinema davanti a casa.

    Ed io mi regolavo di conseguenza.

    Mi piaceva andarci di pomeriggio feriale, al cinema.

    Spesso, in sala potevamo essere in quattro persone diverse, al massimo, a guardare il film.

    E qualche volta, restavo dentro ancora un po', dopo aver visto al completo lo spettacolo.

    Nessuno mi buttava fuori.

     


  3. Il " mio " vecchio cinema non esiste più da tanto tempo.

    Era lontano da dove sono adesso.

    Persino in rete, dove tutto lascia una traccia indelebile, si trova poco di quel vecchio cinema a duecento metri dalla riva del mare.

    Solo qualche foto, è quello sullo sfondo della colonnina della benzina.

    Da parecchi anni l' edificio è stato riconvertito.

    La colonnina della benzina, era quella del distributore sotto casa mia, che dava sulla piazza del cinema.

    Nella seconda immagine si vede uno scorcio della sala, in realtà negli anni cinquanta, quando si usava, e non solamante la, posizionare un televisore per vedere " Lascia o raddoppia ".

    Non che la sala fosse particolarmente diversa, nei pomeriggi della seconda metà degli anni '60, quando ci andavo io.

    Trecentocinquanta lire in galleria, duecento in platea.

    In quella sala, vidi per la prima volta " 2001 Odissea nello spazio ".

    E tanti altri film.

    Nella città di quel cinema passai tre anni.

    Oggi tre anni non sembrano niente.

    Quegli anni della scuola elementere, nella memoria sembrano un periodo lunghissimo.

     

    cine.jpg


  4. Spesso era un cinegiornale di attualità ( leggera ), il più delle volte, infatti.

    La "  Settimana Incom " ?

    Si, entravi quando ti pareva, e restavi dentro anche fino alla chiusura, se ti andava.

    Molti accettavano di poter arrivare a film iniziato, e poi vedere la parte di film perduta durante la proiezione seguante.

    Li vedevi, ad un certo momento della proiezione, alzarsi per uscire quando erano arrivati al punto in cui erano entrati in sala.

    Mi pareva cosa assurda.

    Come rovesciare causa ed effetto.

    Pare che secondo le leggi fisiche di questo universo, sia un controsenso.......

    Del cinema del tempo presente, mi fa arrabbiare quando ti assegnano il posto prima di entrare.

     

    Comunque, mi manca quel cinema.

    Come tanto altro che caratterizzava il periodo.

    Non voglio razionalmente " tornare indietro ".

    La stasi è inaccettabile.

    E' la stanchezza personale di questo periodo, ed il confronto con il ricordo.

    Il solito discorso.

    E va bene. Sopravviveremo.


  5. Potrei averlo visto su Rai storia. Tanto tempo dopo. Però, mettere il " solito " documentario fra i due tempi, voleva dire cercare guai. E trovarli.

    Per fortuna, nel vecchio cinema dove andavo nei pomeriggi degli anni '60, il documentario lo schiaffavano all' inizio, prima del film. Anche perché, alla fine non si sarebbe fermato nessuno a guardarselo .....


  6. Più o meno il principio della autocertificazione.

    Qui da noi, quel modulo ha dato da lavorare a più di un cabarettista.

    " Lei appartiene al partito comunista ? Io ? Assolutamente no ! Ora però vi devo lasciare. Mi attendono i compagni alla riunione settimanale della mia cellula ".


  7. Il 1962 sta troppo dietro le mie spalle.

    Non che io non abbia proprio nessuno dei ricordi televisivi da quell' anno.

    Ma, sarebbero proprio i primi, molto selettivi.

    Però, adesso, in un lontanissimo ed ( allora ) inimmaginabile futuro, ho Google per andare a vedere di che si trattava.

    Appunto.

    E, il tubo, magari ?

    No ?

    Poi guardo anche li.


  8. :)

    Dovrebbe essere più facile la ricerca con questo, il nome del suo personaggio.

    Su Mondo Carosello ad esempio.

    Ma in rete esistono tanti mini - forum, tanti blog dove si parla degli anni '60, e sicuramente della tv del periodo.

    Poi, cerco.

    Anche le partecipazioni a Carosello come Pappagone vero e proprio.


  9. Eh, ricordi vaghi.

    E' passato davvero parecchio tempo.

    Se Gimmy mi ha portato a ricordare che l' altro programma dove Pappagone appariva era Carosello, neppure io rammento cosa potesse reclamizzare.

    Però questo è normale per quasi tutti i Caroselli che magari mi piacevano all' epoca.

    Quando sono dell' umore giusto, faccio una ricerca.

    In compenso, altri Caroselli con De Filippo li ricordo a pezzi, in effetti nella memoria mi rimarrebbe un suo personaggio dove lui era uno strano cuoco.

    Ma, si tratta di qualche immagine sparsa.

     

×