Jump to content

1960

Members
  • Content Count

    6,831
  • Joined

  • Last visited

Posts posted by 1960


  1. Mi ricordo Saigon.

    Visto al cinema, e forse, intravisto in seconda serata in TV.

    Due sottoufficiali della polizia militare USA indagano.

    E si trovano ad inseguire personaggi che godono di forti coperture ( ufficiali superiori USA ).

    Qualche attrito con gli alleati sud vietnamiti.

    La vita notturna e la corruzione della città di Saigon.

    Una suora cattolica come personaggio positivo di contrasto.

    Non proprio un film di serie b, ma un film minore direi.


  2. Paternostro in Cina, è nuovo anche per me.

    Quasi incredibile.

    Qualche volta anche un giovane, decisamente, Piero Angela.

    Dagli stati uniti.

    Un altro sottofondo costante da quel vecchio televisore bianco e nero, Phonola.

    Non esiste più la marca.

    Nei telegiornali anni '60, la guerra del Viet Nam.

    Sembrava eterna, nel tempo dilatato dell' infanzia.

    Dopo, durante la vita adulta (!!), sarebbe stata materiale per molti registi più o meno " contro ".

    Full metal jacket del geniale e strafatto Stanley Kubrick.

    Platoon di un incavolatissimo Oliver Stone.

    Ricordo distintamente una intervista a Stone, come dimenticarla.

    Insieme a lui, ma in un altro studio collegato, il generale Westmoreland.

    Comandò le forze USA in quella guerra.

    Oliver Stone che ci era passato da soldato semplice, dichiarò in quell' occasione, e senza mezzi termini, che " il generale Westmoreland non riconoscerebbe la verità, neanche se quella gli mordesse il culo " ( citazione fedele ).

    Il generale a riposo, nell' altro studio TV rimase in silenzio, cercando di diventate più piccolo che fosse possibile sulla sua poltroncina.

    Poi Apocalypse now, ma anche American graffiti 2.


  3. Ah, Mon Cheri.

    Essendo del 1967, dovrei ricordarlo.

    A meno che, si sia trattato di un episodio estemporaneo.

    Ma tu ci parli di una serie.

    Credo che il pessimo impatto a livello personale, abbia portato la rimozione totale.

    Come voi, anche io ho avuto la mia copia regolamentare di Pinocchio.

    Copertine in cartone pesante, a prova di bambino.


  4. Curiosa faccenda.

    Sarebbe stata violazione dei diritti d' autore anche con il solo disco, penso.

    Salvo un accordo specifico e limitato, che potesse escludere il passaggio in TV.

    Mi sembra un po' complicata, però, l' ipotesi.....


  5. Nei primi anni '70 è esistita anche la palla colossale con maniglia. Ti ci sedevi sopra, e saltavi.

    Per un periodo si vedeva la pubblicità anche su Topolino.

    Poi è sparita.

    Meglio così.


  6. Anche Franco&Ciccio, è vero.

    Il Gatto e La Volpe.

    Ottima scelta di interpreti, secondo me.

    Oltre che per le loro capacità, anche perché l' idea di una coppia indivisibile ( come Il Gatto e La Volpe ) si adattava quasi naturalmente, ai due.

    Il Cuore televisivo è dunque del 1984.

    Io lo attributivo agli anni 90, come scrivo qui sopra.

    Mi ricordo di una Giuliana De Sio/Maestrina con la penna rossa.

    Neppure maestra, " maestrina " ( mi sale già la glicemia ).

    E non è neppure l' aspetto peggiore.

    Parlandone qui con voi, e pensando, è riemersa qualche altra immagine.

    Anche un Johonny Dorelli pure lui maestro, " quello buono ed empatico ", mi pare di ricordare.

    In effetti sono andato a documentari come hai fatto tu.

    Su raiplay, la serie è commentata affermando fra l' altro, che " ....lo sceneggiato diretto da Luigi Comencini si caratterizzava sopratutto per l' attenuazione degli aspetti più sentimentalistici e patriottici della storia...".

    Ah, ecco.

    Se ne sono accorti pure loro, che forse era meglio mitigarla un po', la faccenda....

    In effetti avevo avuto la vaga sensazione che Dorelli avesse impostato in questo senso, la sua interpretazione.

    Sempre dal sito Rai, leggo anche della presenza di Ugo Pagliai.

    Ma non lo ricordo direttamente, lui che da anni associo automaticamente al professor Foster del Segno del comando.

    Come vi dicevo, visto il mio apprezzamento per il Libro Cuore, ai tempi ho accuratamente evitato di seguire questa serie.

    Comencini mi perdonerà.

    Dovunque si trovi nell' universo.

    Quello che invece sono io a non ricordare, è il Carosello Cuore-ispirato.

    Chissà quale era il prodotto associato.

    Ma, ce lo vedo, nel contesto degli anni '60.


  7. Mai visto uno dal vero.

    In effetti, e me lo state confermando anche voi, non mi sembra un giocattolo che possa aver avuto un grande successo, qui da noi.

    Molto americano, credo.

    Anni '50 ?

    L' impressione, è che se uno solo dei rimbalzi ti veniva male, poi eri nei guai.

     


  8. Del libro cuore, esiste una versione della TV italiana.

    Ma credo sia oltre i diciotto anni nel passato.

    Forse, anni '90 del secolo andato.

    Anche Pinocchio ha avuto la sua versione televisiva.

    Molto più indietro nel tempo, con Nino Manfredi/Geppetto, e Gina Lollobrigida/Fata Turchina.

    Sono sicuro che ricordate anche voi.

    Comunque sia, neanche io riesco a dare una struttura organica agli episodi del libro.


  9. A dire il vero, non sono mai stato un entusiasta per il libro cuore.

    Lo trovavo alquanto retorico.

    Persino quando non lo sapevo, il significato di " retorico " in un simile contesto.

    E poi, mi sembrava una chiara istigazione alla depressione.

    Ed anche al diabete, se è per questo.

    Buoni sentimenti ( presunti ), e tanta gente che vive di schifo, e poi finisce male.

    Malissimo, in alcuni casi.

    Pinocchio, è già un' altra faccenda.

    Più difficile da inquadrare.

    Il libro avrebbe qualche caratteristica di quell' altro, ma.......più attenuata.

    Per fortuna.

    Il film disney invece mi piace.

    Perché i personaggi sono caratterizzati in modo più leggero.

     


  10. Si, direi che c' è tutto.....

    Più o meno come sospettato.

    Quando accediamo ad un sito tramite password, e poi non usciamo facendo espressamente " logout " ma semplicemente passiamo ad un' altra pagina sul web, per il PC noi siamo ancora connessi al sito medesimo.

    Quindi quando noi ci torniamo, non ci viene richiesta password e neppure nome utente.

    In realtà è il computer che comunica tacitamente questi dati.

    Proprio perché resta memorizzato il fatto, che noi non siamo usciti ( logout, dicevamo ) la volta prima.

    Questa faccenda viene memorizzata nella cartella dei ( dati ) provvisori.

    Ogni tanto la cartella dei provvisori si svuota spontaneamente.

    Quindi il PC non si riconnette più automaticamente.

    Per la cronaca, è possibile cancellare intenzionalmente, anche, i dati provvisori, come cronologia etc.

    È anche possibile memorizzare intenzionalmente una o più password, in modo da entrare automaticamente su un sito, in questo caso non avverrà la cancellazione periodica.

    E quindi, credo che il tuo computer ieri abbia ripulito, spontaneamente e come avviene periodicamente, un poco di dati di accesso.

    Da notare, che nella struttura di alcuni siti, esiste una temporizzazione per cui dopo un certo periodo, avviene spontaneamente il logout.

    Di solito è l' utilizzatore stesso a selezionare dopo quanto tempo l' accesso cesserà.

    E sarà necessario eseguire un nuovo accesso.

    È, questo, un sistema di sicurezza previsto proprio per evitare che persone non autorizzate possano farsi gli affari nostri, accedendo semplicemente richiamando una pagina.

    Ovviamente, attraverso il PC da noi utilizzato.


  11. Hai ragione.

    Infatti, non c' è relazione diretta fra questi ed anche altri siti.

    La faccenda sarebbe un' altra, credo di aver capito.

    Ma vediamo che ci dice Mr. Pflip riguardo la sua abituale modalità di accesso.

    Poi vi racconto brevemente quello che mi frulla in testa.


  12. Ho un' opinione. Prova a leggere la domanda che ho lasciato la a mia volta.....poi ti dico cosa penso che sia successo.

    Nulla di strano, comunque.

    P.S.

    A me, sembra distante ere geologiche nel futuro, pure l' estate prossima....


  13. Faccio una domanda a mia volta.

    Normalmente, mi pare di capire, in questi " posti " tu accedi senza scrivere la password ogni volta ?

    ( comunque, consiglio sempre di scriverle anche sul classico libriccino. Prima o poi serve. )


  14. Di tutti i riferimenti che date, mi ricordo solamente " il clavicembalo scrivano ".

    Che in realtà non suona ma scrive.

    È infatti una delle prime macchine da scrivere costruita nell' 800, ma lo Zio Paperone la usa ancora da quando, l' aveva comprata per poco durante la corsa all' oro etc. etc.

    Solita trama di partenza per una storia di inseguimenti in giro per il mondo, dopo che la macchina viene venduta.

    Perché si scopre che aveva un valore elevato.

    Conseguenze paradossali.

×