Jump to content

1960

Members
  • Content Count

    6,831
  • Joined

  • Last visited

Posts posted by 1960


  1. Me lo ricordo il film!

     

    Hardy vs. Wayne.

    Impatto visivo notevole, possiamo dire così.

     

    In seguito avrei associato un significato più amaro alle immagini del vecchio Ollio vestito di pelliccia da capo a piedi, e senza il suo socio di sempre Stan Laurel-Stanlio.

     

    Nel 1949 la coppia era ormai in declino.

    Alcuni storici del cinema riportano che Wayne non si comportò molto correttamente con Hardy, che sarebbe morto pochi anni più tardi, nel 1957.

     

    Del film mi viene in mente una specie di concerto campestre per soli violini, con balli, ed una colonia di fuoriusciti francesi approdati nei giovani Stati Uniti d' America dopo Waterloo, che presenziavano

    all' avvenimento sociale indossando le loro uniformi napoleoniche.

     

    Può essere?

    Oppure, ho miscelato film differenti?


  2. Hai sottratto la vittoria al Felino Antopomorfo, Pflip.

    Ma i gangaroni vanno d'accordo con i gatti?

     

    La discutibile, mielosa, aggiunta finale viene proprio da Shining.

    Però, non vinci niente neanche tu, mi dispiace.

     

    Ho letto dell' interpretazione secondo la quale Harrison Ford - Rick Deckard sarebbe lui stesso un replicante, creato per dare la caccia ai suoi simili fuori controllo.

    Non so decidere, al riguardo.

     

    Certo, forse la prima versione con "lieto fine all'americana" è apprezzabile proprio per la voce narrante, che aiuta a capire un' ambientazione dai contorni sfumati.

    Ma è anche per questo che il film mi piace.

     

    Mi manca l' unicorno onirico, ma penso che l' ottimistica unica scena col sole, semplicemente, non aveva nulla a che fare con le precedenti due ore di film.

    (Ma che c'azzecca........ehm...scusa Antonio.)

     

    Preferiso: "peccato però che lei non vivrà"!

     

    Un autore dovrebbe avere autonomia propositiva, poi, al pubblico "l'ardua sentenza".

     

    Concordo, notevoli le interpretazioni dei vari caratteristi, mi permetterei di citare anche Joanna Cassidy-Zora

    ( ed anche il suo pitone frutto dell' ingegneria genetica, perché no ), quella delle "squadre di eliminazione extra-mondo", che farà davvero del suo meglio per eliminare Harrison Ford.

     

    Ti consiglio la lettura di "Ma gli androidi sognano pecore elettriche?", del visionario Philiph K. Dick.

    Genio e sregolatezza si potrebbe dire di questo Autore, definizione adatta anche a

    Sir Arthur Charles Clarke, lui scrisse il raconto "La sentinella" da cui originò poi il soggetto di "2001 odissea nello spazio".

    Clarke e morto da poco tempo, nel marzo del 2008.

     

    Per finire, chiedo moltissima comprensione all' Amministratore del forum.

    Con una battuta ho portato decisamente fuori tema questa discussione.

    Ma ricordando, discutendo, parlando, alle volte si arriva più lontano di quanto si vorrebbe.


  3. ...io aprivo la lattina dei pelati :lol:

     

    ... dal forno si sprigionava un profumo incredibile, e nelle sere d'inverno il calore del forno ......

     

     

    Quindi non solo pflip, non solo io, eravamo colpiti dai vari ammennicoli che uscivano dalla scatola.

     

    Ed una pizza pre-confezionata, meno pre-confezionata di quelle che troviamo oggi al super comunque,

    era un'occasione speciale.

     

    O quasi.


  4. Infatti, non c'entra nulla con la odissea ( nello spazio ?? eh eh ) di Tidi.

     

    Accennando il monologo del replicante morente, ho voluto ironizzare, come dire per dire alla nostra Amica: "davvero incredibile, quello che ti è capitato".

     

    Blade Runner è un film molto conosciuto, tanti suoi momenti sono indimenticabili (....e tutti quei momenti, andranno perduti nel tempo, come lacrime nella pioggia........va bene, va bene la pianto ).

     

    Infatti, tu hai riconosciuto subito quelle parole.

     

    Il montaggio voluto da Ridley Scott è l'ultima versione.

    Il film avrebbe dovuto uscire così già nel 1981, ma un finale amaro non era adatto al mercato americano.

    Dove il lieto fine era d'obbligo, almeno a quei tempi.

     

    Così gli editori forzarono un recalcitrante Scott, che fu costretto a fabbricare uno snaturante " e vissero tutti felici e contenti" con la replicante Rachael priva di quel dispositivo di sicurezza, che ne avrebbe limitato la vita ad un massimo di quattro anni.

     

    Sottraendo ad un altro film la sequenza finale del volo sul bosco di conifere.

     

    Il quiz: di quale film si trattava?? Puoi cercare lumi anche in questo forum.

    Comunque, anche se indovini non vinci niente lo stesso :lol: .


  5. ......Quidi,scapato"pericolo" fino alla stagione calda.

     

    E vai con gli errori di battitura.

    Due in una sola frase.

    Analfabetismo di ritorno, o incipiente miopia??

     

    Mi converrebbe assumere una dattilografa provetta, credo.......


  6. ..... e gli insegnanti avevano la geniale idea di far fare colazione col pane del giorno prima con salame Citterio (che non mi è mai piaciuto) "così non date di stomaco sui tornanti" (e Pflip immaginate un po'...)

     

    Ho immaginato, e vorrei non averlo fatto! :lol:

     

    Ma fammi capire, mi sfugge la logica dei tuoi passati insegnanti ( mi sa che erano parenti di alcuni dei miei ).

     

    Forse che siffatta colazione, avendo le stesse proprietà del cemento pre-miscelato e centrifugato,

    arrivava a solidificarsi rapidamente nello stomaco?

     

    E poi, scusa: ma i gangaroni non mangiano solo manzanilli?

     

     

    Colta citazione: "manzanilli: animaletti simpatici (tipo insetti), invisibili all'occhio umano, ma di cui va goloso Pflip"


  7. Ti ringrazio, Gimmy.

     

    E' già molto facile essere indelicati verso qualcuno alla cui presenza ci si esprime direttamente.

    Scrivendo, ed a distanza, il rischio di equivoco aumenta.

     

    Prometto di essere ironico, essendone capace , mai sarcastico verso nessuno su questo forum.

    Sono qui per lasciare parlare quella parte di me, la mia preferita, che ha ancora cinque anni o giù di li e non crescerà mai ( spero ! ). Credo che altrove non potrei, ed è giusto così.

     

    Ma non cercate mai di mandarmi a letto prima di carosello........che non c'è più.

     

     

    .......anche perchè non ho la più pallida idea di in che giorno e a che ora va in onda

     

    Comunque, credo che sia una trasmissione estiva, anche se non ne sono proprio sicuro.

    Quidi, scapato "pericolo" fino alla stagione calda.


  8. Piccola precisazione: il nome del computer è HAL, con una elle sola (e non a caso...)

     

    Hai ragione.

    Ma come ho potuto..........

     

    HAL, ovvero IBM anticipando ogni lettera nell' ordine alfabetico.

     

    La società HAL è realmente esistita ( non sono sicuro che siano ancora in attività ).

     

    Nei primi anni '80 ho avuto un loro terminale da telescrivente.

    Decisamente più innoquo di HAL, non mi parlava, ma neanche ha mai tentato di espellermi nello spazio profondo ( apri il portello, Hal! ).

     

    Non posso però dire se sia stato Kubrik ad ispirarsi a loro, o se questa effimera compagnia prese nome dal film.

    Diritti d'autore........??.........


  9. Si, è proprio vero.

     

    Questa concessione alle ore piccole, aveva per i nostri genitori anche la valenza di strumento di controllo sul "pupo/a".

    Alle volte non molto disposto/a a farsi controllare.

     

    Vista l'età comunque, poteva capitarmi di "collassare" spontaneamente e ben prima dell'ora faticosamente contrattata con la controparte.

     

    E' un dilemma che mi perseguita da sempre: secondo me, lasciavano che io mi stancassi a furia di giochi, perchè fossi cotto a puntino entro l' ora prefissata.

     

    Che perfidi!

    SONO STATO VITTIMA DI UN COMPLOTTO!


  10. Grazie per il tuo apprezzamento.

     

    Spesso sono incapace di trasmettere correttamente il reale senso del mio pensiero.

    Non voglio a causa di ciò sembrare irrispettoso dei sentimenti e delle emozioni altrui.

    Per evitare equivoci, è forse meglio che io specifichi chiaramente di aver voluto esprimere il mio personale parere, riferendomi solo alle personali esperienze.

     

    Tanto meno potrei permettermi di criticare la tua maestra, non avendola conosciuta.

    Mi sembra di capire dalle tue parole, che quelle che tu definisci idee un po' antiquate, erano solo dettagli marginali del carattere ben più complesso della tua maestra di un tempo. E' così?

     

    Purtroppo, di personaggi con i sigilli di fabbrica al cervello, alcuni ne ho incontrati .

    E ti posso assicurare, che un po' mi hanno infastidito.

    Ma per fortuna ci sono state anche altre persone, differenti.

     

    Comunque, anche se in tenera età mi era permesso andare a dormire con mezz'ora di ritardo, posso assicurarti di non essere diventato per questo un nottambulo precoce.

    Probabilmente, un poco insonne lo sono diventato dopo, in età più matura.


  11. E confermo "Senza indizio", 1989 di Thom Eberhardt.

     

    Questo il riassunto trovato in rete:

    Il dottor Watson fornisce una clamorosa rivelazione alla stampa: chi ha risolto gli enigmi dei casi piú oscuri è stato lui e non Sherlock Holmes, mera creatura della fantasia. Quando viene affidato un difficilissimo caso a Sherlock Holmes dalla famiglia reale, il dott. Watson ingaggia un attore per interpretarne il ruolo.


  12. ....Altri russi memorabili quelli di "Un due tre" di Billy Wilder col grandissimo James Cagney.

     

     

    Come dire.....coca cola a Berlino est!

    ( C'è sempre di mezzo Berlino ).

     

    Di "Un due tre", ricordo:

     

    l'americanissimo dirigente ( Cagney appunto, con figlia tendente al tedesco/bolscevico della zona est :lol: ) fuma un sigaro Havana avuto da uno dei sui interlocutori sovietici, e ne rimane schifato.

    Con molta calma uno dei russi gli risponde - " anche i missili che noi abbiamo dato in cambio ai cubani, fanno schifo".

     

    E comunque anche in questo caso il regista è tedesco, europeo, e quindi niente sparatorie. ;)


  13. E siamo perfettamente d' accordo!

     

    Anche se nel caso della tri-tetralogia di Harry Palmer sono il primo a discutere il livello dell'opera, quello che mi piace è lo stile e l'interpretazione del protagonista.Molto ironico.

     

    Sicuramente molto inglese, molto europeo in contrapposizione ai corrispondenti prodotti americani dove, sopratutto se parliamo di film dal medio livello, viene svuotato un arsenale di munizioni nei primi dieci minuti.

    (La bomba atomica tascabile, no??)

    E dove ovviamente, le super spie dispongono di mezzi ed atrezzature senza limiti di quantità e qualità.

     

    Il povero Harry, invece, quasi -quasi si paga la benzina da solo......e resta in strada perché l'auto lo pianta in asso.

     

    Sono molte le interpretazioni di Michael Caine che io ricordo, mi viene in mente una dissacrazione di Sherlock Holmes, più che una interpretazione, dove Caine impersona l'intuitivo detective vittoriano......

    che nella realtà risulta essere un perfetto inetto!

    E' la sua eterna spalla non che biografo ufficiale, il Dottor Watson ( tuo collega pflip ) a suggerire le brillanti deduzioni ed a creare ed a mantenere il mito di Sherlock Holmes.

    Divertenti situazioni si svolgono e si evolvono quando Watson, esasperato lascia ( temporaneamente ) Holmes, che tenta di condurre da solo un' indagine, con esiti tragi-comici.

    Da notare, il Dottor Watson è interpretato da Ben Kingsley ( mai vista, "L'isola di Pascali"? ).

    Credo si tratti di un film anni '80, uno dei tanti su Holmes, ma il titolo proprio non mi sovviene.

     

    Molti sono gli attori britannici che apprezzo, ed anche io devo ricordare Peter O'Toole / Lawrence d'Arabia :

    per interpretare uno che le rotelle a posto non poteva sostenere di avercele, ci voleva per forza lui, O'Toole.

     

    P.S.

     

    Battuta del colonnello sovietico che in "Funerale a Berlino" contatta Palmer perchè intenzionato

    ( apparentemente ) a passare ad ovest:

     

    "Inglese, ma gli americani sono solo dei russi con i pantaloni stirati!"

    Comunque,quel colonnello russo sembrava la copia a carbone di Leonid Bresnief .


  14. Negli anni '60 furono prodotti in Gran Bretagna tre film di "spionaggio", con Michael Caine protagonista.

     

    Eravamo in piena guerra fredda, e l'atmosfera di quel periodo favoriva questi soggetti cinematografici.

     

    Si potrebbe quindi pensare ad una certa contiguità con il famoso agente di Sua Maestà ( ?? ) Britannica -con licenza di uccidere- ( !! ), il comandante Bond, meglio noto come 007.

     

    Ma non è così.

     

    E qui facciamo la conoscenza di Harry Palmer.

    Anche lui lavora per i Servizi di Contro Spionaggio del Regno Unito Di Gran Bretagna, ma le similitudini con James finiscono qui.

     

    Infatti, apprendiamo quasi subito che Harry è stato reclutato nelle prigioni militari inglesi, dove albergava a causa della sua tendenza alla libera impresa: di stanza a Berlino, serviva come sottoufficiale dell'esercito e durante il tempo libero commerciava in vari beni.........ma di proprietà dell'esercito medesimo!

     

    Possiamo osservare che James Bond spesso e volentieri fa anche di peggio, e gli va liscia, Harry Palmer invece lo beccano subito.

     

    Gli viene quindi offerta la scelta: ti arruoli "volontario" nei servizi segreti, o resti a marcire dove sei.

    Certo, che i servizi segreti sanno bene dove selezionare il personale miglore, con quelle capacità innate che favoriscono il lavoro.

     

    Vediamo il nostro eroe nel suo due locali più servizi alla periferia di Londra e lo seguiamo fino al suo ufficio,

    al "Ministero", dove un superiore borioso e supponente ( mi sembra di ricordare, col grado di colonnello )

    non perde occasione per ricordargli le circostanze del suo reclutamento.

    Forse, non lo stima molto.

     

    E quando viene assegnato alla sorveglianza discreta del solito funzionario della Ambasciata Sovietica a Londra, che lungi dall'essere una pericolosa spia di oltre cortina è per davvero un mite impiegato russo in missione consolare, si reca nell'ufficio di competenza e compila il modulo in triplice copia che gli permetterà ottenere una ( scassata ) auto di servizio.

    Rivolgendosi ad una segretaria dalle sembianze equine.

     

    Altro che Miss Money Penny ( e le altre ).

    Altro che Martini agitati-non miscelati-, o è il contrario ?

    Altro, che Casinò Royal.

    E la Aston Martin con i gadget super tecnologici di "Q" ? No, gli danno la Skoda IN-Felicia rottamata da Tidi, misteriosamente recuperata e sconsideratamente riciclata! :lol:

     

    In ogni film della trilogia si verifica però un evento che da inizio alle vere e varie peripezzie del nostro eroe, presto alle prese con le autentiche spie "dell'altra parte", ed in contrasto con i suoi ottusi superiori.

     

    Furono prodotti tre film appunto, "Ipcress" 1965, "Funerale a Berlino" 1966, "Il cervello da un miliardo di dollari" 1967.

     

    Decisamente, nessuno di questi ricevette l'oscar.

    Ma non penso che fosse nelle aspettative di nessuno.

     

    Sono film leggeri basati sull'ironia quasi parodiata per il genere, con qualche trovata divertente ed alcune simpatiche caratterizzazioni da "fumetto".

    A mio parere, i primi due migliori del terzo ed ultimo.

     

    Che non fu l'ultimo.

     

    Nel 1995 lo stesso Caine produceva "All' inseguimento della morte rossa", dove l'agente Palmer, licenziato dai servizi segreti causa fine della guerra fredda, viene reclutato da una non ben definita organizzazione "privata" , nella "nuova" russia.

     

    C'è di tutto: mafiosi-oligarchi russi ex sovietici, spie cia a spasso anche loro per lo stesso motivo di Harry,

    ed anche i servizi cinesi.

     

    Oggetto del contendere: una letale arma chimica.

    Binaria, persino!

    Non nel senso che è come il treno, ma che.......be' di questo parliamo un'altra volta.

     

    E' un film molto dinamico, da S.Pietroburgo verso la Mongolia.

    Su un treno della ferrovia transiberiana, dal quale ( e ti pareva ) Palmer viene anche sbattuto giù in corsa nel nulla siberiano. Su aerei scassati della decrepita Aeroflot, e su una ancora più scassata Lada Niva che funziona a vodka, se non lei almeno il guidatore ( No, questa volta ti lascio in pace, Tidi ).

    E non solamente questo.

     

    Film leggero come i precedenti, ma abbastanza divertente come quelli, anche loro nella mia "memoria bambina"


  15. Hawking è sicuramente quello che si definisce un genio.

    Sembra banale dire che come lui ne nasce uno per secolo, ma è così.

    Anche se per altri versi la natura non è stata benigna con lui.

     

    Comunque parlando di "orizzonte degli eventi", hai reso efficacemente l'dea.

    Mi piace.


  16.  

    ......Per questo, purtroppo, pur avendo qualche mese più di 1960 i suoi ricordi caroselliani per me sono oltre l'orizzonte degli eventi

     

    Insomma, in una singolarità quantistica o buco nero che dir si voglia.

    Ma non è che oltre alla classe di nascita ci sono comuni gli studi intrapresi??

     

    Be' questo spiega tutto.

    L' avere mancato il mitico cherubino casinista, che ha tenuto banco per anni tanto da restare indelebile nella momoria di quelli di noi, che anche ai tempi quasi non sapevamo stare in piedi da soli.

     

    E' sempre cosi, vari i personaggi ben pensati ( si dice così ? ), maestre/i ed altri strani soggetti con poca fantasia che anno popolano la nostra infanzia.

    Se è divertente, è male!

    Ma un poco di pensiero autonomo ed originale no, eh??

     

    Andava a fortuna, come dice Forrest Gamp, " La vita è come una scatola di cioccolatini: non sai mai quello che ti capita".

    E se ti beccavi l' insegnante con il cervello ancora in garanzia ( praticamente mai usato ), sai che divertimento.

    Andiamo, andare a letto persino dopo Carosello!

    Dopo le nove di sera!

    Può nuocere gravemente allo sviluppo del pupo! :lol:


  17. Visto Angelino'58.

    Alcune volte!

     

    E' sorprendente come mi colpisce, dopo tutti questi anni.

     

    Nel filmato ho ritrovato alcune memorie sopite, come già dicevo.

    La casa/nuvola, la voce fuori campo sempre più insistente che tenta di sbattere giù dal letto il cherubino.

    Che non è tanto disposto ad alzarsi.

    Il tuffo finale nella pozzanghera.

     

    Notevole anche il prezzo del detersivo: 70 Lire!!

    Un poco di inflazione?.............


  18. Info ricevute, nuovamente grazie.

     

    Se Olimpino è nato per essere mascotte delle Olimpiadi del '60 ( Avrei dovuto intuirlo, quando ho trovato la sua data di nascita ), allora capisco perché ha potuto lasciare una traccia più leggera di Angelino e degli altri suoi numerosi fratelli.

    E si, famiglia numerosa quella di papà Paul Campani, nel '62 si segnala anche una "Angelina" ( ?? ).

     

    Comunque, un carattere legato ad un prodotto commerciale, sopratutto in quegli anni che per noi del forum sono così indimenticabili ( forse, perchè siamo nati con loro ?? :lol: ), aveva maggior possibilità di longevità, tenendo la scena stagione dopo stagione e per un lungo periodo; le olimpiadi sono sempre un grande avvenimento, ma rappresentano un "prodotto" a scadenza rapida.

    Ed anche la mascotte viene presto dimenticata..........( ma si scrive così, "mascotte" ?? )

     

    "La candela che arde da entrambe le parti, brucia nella metà del tempo".

    Da: Blade Runner di Ridley Scott.

     

    In ogni caso, non potrei avere ricordo diretto di Olimpino fratello minore di Angelino & degli altri, ai tempi delle olimpiadi avevo quattro mesi.

     

    Ho trovato su Wikipedia italia la foto ad alta definizione adirittura, del pupazzo Angelino di cui ho avuto più di un esemplare.

    Certamente creato per accaparrarsi la simpatia dei bambini anni '60 ai quali era destinato.

    Ti guardava con due occhi grandi un terzo della faccia, la sua famosa camicina con sopra scritto il nome

    del detersivo super trim.

    La testa leggermente piegata.

     

    Ugualmente su Wikipedia possiamo trovare l'elenco completo dei fratelli di Angelino ed olimpino.

    Alcuni nati fino ai primi anni '70, ben presenti nella mia memoria ma dei quali ignoravo la parentela.

    Voglio cercare informazioni sul loro creatore, Paul Campani.

     

    Ah, Zaccaria diavolo di terza categoria, era legato ad una stufa a kerosene ( ovviamente ), e viveva nei carosello di fine anni '60, forse fino all'inizio dei '70.

    Ma era un buon diavolo.

    Forse è per questo che non riusciva mai a fare carriera, ed a salire di categoria.

     

    -Flash news-

     

    Devo prontamente correggere la mia fallace memoria.

    Brutta cosa, diventare vecchi.

     

    Zaccaria, non "vendeva" stufe a kerosene.

     

    Ma i televisori Minerva.

    Parlando con accento toscano, credo.

     

    Errore froidiano, il mio?


  19. In aggiunta:

     

    credo di aver trovato Olimpino, o meglio Super Olimpino ( circa 1960, mio coetaneo ).

     

    Stesso "papà" di Angelino, Paul Campani, che ha creato moltissimi altri personaggi di Carosello.

    Ma non ne ho ancora trovato l' immagine.

    Penso che sia stato meno popolare di suo fratello maggiore Angelino.

     

    Quello che invece non ho identificato per niente, è il portale con spot di Angelino.......

    indicazioni?

    Grazie.


  20. Non credo di avere scmpo: -Devo- vedere questo film.

     

    Una prima ricerca, sembrerebbe però indicare difficoltà di reperimento di una qualche versione per home cinema, mi accontenterei anche di un preistorico VHS.

     

    Ho però trovato altre recensioni più approfondite, la trama etc.

     

    Vi informerò sull' eventuale successo della ricerca web, penso che anche a voi farebbepiacere poter rivedere il film.

    Forse, una copia in lingua originale?

     

    E adesso spengo il computer.

     

    La mia mente svanisce......lo sento........


  21. E' incredibile........abbiamo spesso ricordi, senza sapere di averli!!

     

    No, non ho avuto un improvviso peggioramento, voglio dire che nello stesso momento in cui leggevo la tua descrizione, Pflip, della casa/nuvoletta di Angelino " sopra il mondo", il tuffo, ho improvvisamente recuperato il ricordo di queste immagini.

    Dopo almeno 46 anni.

     

    Non so cosa dire..........varie emozioni.......

     

    Per tutto questo tempo, di Angelino avevo ricordato la corsa sfrenata in triciclo/bicicletta, la Marcia Turca di Mozart ( indelebile forse proprio per questi primi ricordi dell'infanzia ), l'inevitabile impatto finale.

     

    D'altra parte, il nostro Angelino non ha avuto vita al di fuori del suo comunque lungo e longevo carosello, come è successo per altri personaggi.

     

    E quindi continua a vivere nella sua epoca, attraverso " La nostra memoria bambina".

     

    Grazie per la tua segnalazione, mi "fionderò" alla visione del vecchio Angelino/1958 ( no, lui non è invecchiato ) sul sito amico, dovrei avere capito qual'è.

     

    E, Gimmy, sai com'è: se, anche nel 1963, non mi avessero permesso di vedere Carosello con Angelino & C.,

    non credo proprio sarebbe esistita forza al mondo capace di farmi infilare a letto!! :lol:

     

    Comunque hai ragione, Pflip: Olimpino, chi fu costui? ( Scusi Signor Manzoni )

    Mi ricorda forse vagamente qualche cosa ma..........

     

    Per concludere e per controbilanciare il celestiale Angelino:

    credo che noi tutti ricoridiamo il ( poco ) demoniaco Zaccaria, diavolo di terza categoria!

     

    Più recente abitante del Mondo Perduto di Carosello( mi perdoni anche lei Sir Arthur Conan Doyle ) , ma anche per lui sono passati almeno 40 anni.

×