Jump to content

1960

Members
  • Content count

    6,298
  • Joined

  • Last visited

Posts posted by 1960


  1. ........... ai libri di carta.

    Oggi pomeriggio ho varcato la porta della biblioteca.

    Davanti a casa mia, dall' altra parte della strada.

    La biblioteca è li, ve ne ho parlato già molte volte.

    Molto comoda, la faccenda.

    Il fatto è, che negli ultimi otto mesi non avevo più percorso quei venti metri.

    In questo breve/lungo periodo, ho sperimentato i libri in formato elettronico.

    Facilissimi da reperire, in rete.

    E non costano neppure niente ( se percorrete la via giusta ).

    Il tablet che ho utilizzato ha la forma di un libro, tutto sommato.

    Ed è pieno ormai di qualche decina di libri.

    Pesa poco, lo porti dappertutto.

    Ma, mi sono accorto che qualcosa mi mancava.

    E quindi, oggi sono andato in biblioteca.

    Ed ho prelevato quattro libri di carta.


  2. Be', il caldo se ne è andato, per quest' anno.

    Ed io ne ho pescato un altro.

    Di Maigret.

    Questo qui è televisivo anche lui, forse inglese.

    Non lo conosco.

    I DVD tedeschi, evidentemente in germania la serie è rimasta nel ricordo di molti, al punto da pubblicarla su dischetto, fanno riferimento al periodo 1960 -1963.

    I Maigret, non finiscono mai.

    E tutti fumano la pipa.

    maigret 1960 1.jpg

    maigret 1960 2.jpg


  3. Si, era un quiz con gruppi di ragazzi, due squadre che erano in competizione fra loro.

    Con filmati, qualche ospite etc.

    Ce lo ricordiamo tutti, a ........ chiazze.

    Qui sul Forum che non vuole sparire abbiamo ricostruito qualcosa, mettendo insieme i nostri personali e frammentati ricordi.

    Non si trova molto materiale, sul web.

    E questo dice tutto.

    L' altra trasmissione ( quella con la sedia volante ), addirittura l' avevo inserita in " Chissà chi lo sa ".

    Ma a quanto pare non c' entra.

    Avevo davvero pochi anni, tanto che provavo quasi le vertigini conto terzi, ed avevo paura che Febo Conti potesse cadere.

    Effetto speciale primordiale, si, l' antenato del chroma key moderno.

    Ma a quel tempo, niente fondo verde poi filtrato.

    Febo Conti e la sua seggiola volante, stavano davanti ad uno schermo di proiezione.

    Ed andavano dappertutto.

     


  4. Strano a dirsi, ma io ho seguito la trasmissione di Febo Conti, specialmente durante i primi anni.

    E quindi non riesco a dare un ordine alle varie sigle.

    Alcune, evidentemente le ultime, non le ricordo proprio.

    E poi ci sono tanti dettagli in ordine sparso.

    Il carrello con il motore Cancian decisamente si.

    Ma anche la sedia volante che ogni volta sorvolava un luogo diverso.


  5. Se è per questo, non ti preoccupare.

    Tanto, potrei aver già dimenticato anche quello che ci siamo raccontati solamente una settimana fa.

    Quindi, per me potrebbe essere tutto nuovo.

    .................................................................................

    Ora però volevo chiedere....................che posto è questo qui ?

    Come ci sono arrivato ?

     


  6. Non so se la faccenda possa tranquillizzarti almeno un po'.

    Ma, eventi del genere da qualche tempo non sono nuovi neppure per me.

    E non parliamo poi della memoria a breve, brevissimo termine.

    Del tipo, passo nella stanza a fianco a quella dove stavo, per prendere qualcosa.

    Peccato che quando ci arrivo ( due secondi e mezzo dopo se trovo traffico ), non mi ricordo più perchè ci sono andato, ed a cercare cosa.

    E va be', mi sto rimbambendo .........................


  7. Valutazioni e scelte sbagliate in modo madornale.

    Ai tempi in cui molti dei programmi ora perduti erano sui nostri tv bianco e nero a due canali, moltissimi di quelli erano considerati come efimeri.

    Figuriamoci poi i programmi della Tv dei Ragazzi.

    Solito discorso già fatto qui da Noi.

    Le pellicole, occupavano spazio in archivio.

    E quindi qualche genio selezionava periodicamente quelle da mandare al macero.

    Il primo nastro magetico video Ampex ( una roba larga due pollici, cinque centimetri, avvolta su bobine tipo ruota da calesse ) costava caro e lo riutilizzavano.

    Le teche rai, erano ancora oltre l' orizzonte dell' immaginabile.


  8. Concordo........

    Su due cose in particolare.

    Noi, siamo diversi.

    Io sono leggermente differente anche rispetto al me di ieri.

    Work in progress ....................

    Ed i bastoncini, dovrebbero essere di merluzzo ( ?? ), sono ai primi posti nella classifia dei più imitati.

    E sono anche in questo momento, nel mio frigorifero, anche.

    Interessante notare che gli anglosassoni li chiamano " finger fish ".

    Scegliete il nome che preferite,  tanto parliamo della stessa cosa.

    Tornando brevemente ai sofficini - cloni, l' altro ieri sullo scaffale ne ho vista una versione, una delle innumerevoli, denominata " tenerelli ".

    Ma che fantasia.

     


  9. In effetti è proprio qui, su AnimaMia, che ho potuto mettere un approssimativo ordine nel ricordo delle infinite sigle di " Chissachilosa ".

    Non risolutivo, è certo.

    Stiamo parlando di ricordi lontani, dei nostri primi periodi.

    E della tendenza eccessiva che la primordiale rai, aveva nello sfoltire gli archivi.

    Poca lungimiranza, inutile citare ancora una volta " La nonna del corsaro nero ".

     


  10. E pensate che a quel tempo dovevate trovarvi davanti ad un fotografo che era li per un avvenimento ( idiozie come una dichiarazione di guerra a parte ).

    Caso fortuito, tutto sommato.

    Oggi, fanno le foto pure i telefoni.

    Domani pomeriggio, il vostro tostapane nuovo modello vi farà la radiografia.

     


  11. Invece " Chissà chi lo sa " non me lo sono perso.

    Anzi.

    E' uno dei miei primi ricordi tv radicati.

    Con le infinite sigle, si.

    Che è difficile riordinare nella memoria.

    Febo Conti era rassicurante.

    E' la sensazione che ricordo mi dava, quando lo vedevo molto prima di imparare a leggere.

    Mi è tornata in mente la sua interpretazione - imitazione di Ridolini.

    Questa è di epoca più tarda, poco prima che la televisione italiana, ingrata, lo defenestrasse.

    L' avrei rivisto poi, molte altre volte sulla televisione della svizzera italiana.

    Febo Conti - ridolini, credo fosse in Carosello ............

     

    P.S.

    Ho trovato una foto.

    Proprio sul sito dal quale hai attinto un po' di notizie.

    Che mi sono andato a vedere.

    FEBO CONTI CAROSELLO.jpg


  12. Questa, me la sono persa.

    La televisione con due canali, era molto presente nella nostra vita.

    Ma, rimane sempre qualcosa che ad ognuno di noi è sfuggita.

    Si vede, che stavamo facendo altro.

     

     


  13. Già, è vero.

    Non avevo colto il dettaglio dell' acconciatura.

    Quasi sicuramente, emulazione.

     

    Non è cosa nuova, in effetti, la scoperta casuale di personaggi che poi sarebbero divenuti famosi, in foto corali più o meno storiche.

    Ci sarebbe pure quella che ritrae un giovane adolf hitler, a berlino, in mezzo alla folla quasi oceanica di entusiasti, a fine  luglio del 1914.

    Erano tutti contenti, li avevano appena informati che la guerra era stata dichiarata.

    Sarebbe diventata nota come " la grande guerra " ( " Guerra non fa nessuno grande ! " - Yoda - ), e poi " la prima guerra mondiale ", quando si è reso necessario distinguerla da quella dopo.

    Ma, non doveva essere, " la guerra per porre fine a tutte le guerre " ??

    Molti di coloro che in quella foto  manifestano tutta la loro contentezza, avrebbero cambiato idea, in seguito.

    Lo schizzato adolf, invece no.

    Altri, non sarebbero vissuti abbastanza da porsi il problema di cambiare idea o meno, dall' istante in cui sono stati fotografati insieme a pessime compagnie.

     

     

     


  14. Nel febbraio del 1964 i Beatles arrivano a new york.

    Io, da un' altra parte ho quattro anni.

    Da quel lato dell' oceano migliaia di fans accolgono i quattro inglesi, ed i fotografi, be', loro fotografano.

    Ci si può trovare di tutto, in quelle foto.

    E, tutti.

    A sorpresa, sono passati parecchi anni, qualcuno ci ritrova anche quella che parecchio dopo, sarà una famosa cacciatrice di alieni.

    A dire il vero, è l' Alieno che da la caccia a lei.

    E fa fuori, uno alla volta, un po' di amici suoi.

    Nella foto qui sotto, " beccata " a caso, una giovane Sigourney Weaver, che si chiama ancora Alexandra e per il momento da la caccia agli Scarafaggi.

    Nell' altra foto, in assetto da caccia all' Alieno.

    Insieme a lei, Il Gatto di bordo.

     

    sigourney-weaver-Eight-Days-a-Week-2016-billboard-1548.jpg

    sigourney-weaver-e-jonesy-alien-1979.jpg

×