Jump to content

baron_munchausen

Members
  • Content Count

    2,094
  • Joined

  • Last visited

Community Reputation

0 Neutral

About baron_munchausen

  • Rank
    Advanced Member
  • Birthday 06/12/1964

Contact Methods

  • Website URL
    http://

Profile Information

  • Gender
    Male
  • Location
    Torino

Recent Profile Visitors

777 profile views
  1. baron_munchausen

    Frizzantina

    Che tenerezza vedere quelle vecchissime pubblicità! E quale serietà v'erano in esse, già a giudicare dal cipiglio del tizio della Salitina... altro che i "nostri" caroselli. Probabilmente il tizio sopra sarà stato interpellato prima di prendere la Salitina! Davvero notevole il fatto che dopo così tanti anni (ottanta!) esista ancora quel prodotto. Di solito spariscono (e ne sono spariti, negli anni) molto prima.
  2. baron_munchausen

    Mi era simpatica

    In effetti, se 1960 non ce l'avesse fatto notare accostando i due filmati sarebbe stato piuttosto difficile arrivarci da soli, se non per un "lampo" di genio!
  3. baron_munchausen

    Caroselli western

    Vero! Ora che ho la memoria rinfrescata mi pare ancora di vederla, questa parte finale che era la stessa in tutti gli spot. Però quel che non rammento, quel che volevo intendere, sono le storie che c'erano prima, le sequenze che introducevano poi il finale.
  4. baron_munchausen

    Come passa il tempo ........

    Questi però sono sempre attuali... i fumetti non invecchiano mai.
  5. baron_munchausen

    La dottoressa Tirone

    Ricordo dal nome del personaggio, forse proprio perché - appunto - diventato famoso. Ma non rammento altro al riguardo, a parte il fatto che pubblicizzasse prodotti per la dieta.
  6. baron_munchausen

    Le Incredibili Traduzioni Dei Titoli Stranieri

    Avrei voluto esprimere le stesse idee in merito. Secondo me, ora come ora, in effetti talvolta è più conveniente lasciare il titolo originale al film. Un esempio che conosco, dato che lo vidi pure, è Walk the line sopra menzionato, che racconta della vita del cantante Johnny Cash. Ricordo che quando uscì il film fui sorpreso del titolo italiano e mi chiesi peraltro a cosa si riferisse "l'amore" del titolo stesso. Forse alla seconda moglie di Johnny Cash, cioè June Carter, con la quale visse fino al termine dei suoi giorni?
  7. baron_munchausen

    I libri condensati...

    Anche mio padre all'epoca comprò alcuni di questi volumi, per corrispondenza, che si presentano proprio come giustamente descritti da 1960. Li ho ancora qui in uno scaffale-libreria. Credo, anni e anni fa, di aver letto pure io qualche "condensato di romanzo", dei quali ricordo Una città come Alice e L'anello di re Salomone. Tuttavia pensandoci ora, volendo leggere un volume di narrativa non mi piacerebbe molto l'idea di farlo partendo da un condensato o riassunto dello stesso. In ogni modo non erano male: ogni volume presentava due/tre opere condensate e si poteva avere così un panorama di parecchi romanzi in uno spazio più ristretto.
  8. baron_munchausen

    Mi era simpatica

    Senza offendere alcuno (anzi, alcuna) trovo spiritosa questa somiglianza tra la Hack come si vede nel filmato e il personaggio di Maga Magò, come fu disegnata a suo tempo.
  9. baron_munchausen

    Caroselli western

    E' bello rivedere qui alcuni caroselli dell'epoca. Tra quelli qui menzionati ricordo il Merendero dei biscotti Talmone, il Gringo della carne Montana, lo spot dei salami Negroni (del quale però mi rimane in mente soltanto lo stacco finale con il motto: "le stelle sono tante, milioni di milioni..."), Bill & Bull di Argo, il Caballero di Lavazza. E anche quello, che ora trovo molto divertente per il contrasto della motocicletta moderna nel West, delle gomme da masticare. Di quest'ultimo avevo perso la memoria, fino a qualche tempo fa quando lo rividi in rete - forse proprio qui nel forum. Quasi certamente vidi anche altri caroselli, come quello con Cocco Bill ma gli altri sopra sono quelli di cui son sicuro. Molto divertente, anche se decisamente più recente, quella della Citroen, con la famosa esclamazione "vavavuma!" Riguardo alla sigla di Carosello pure io ho presente solo "l'ultima", quella più moderna.
  10. baron_munchausen

    STORIA INCREDIBILE

    Proprio così. E non sei il solo, appunto.
  11. baron_munchausen

    Frecce&Corrierino

    Eh, eh, eh! Spiritoso-stupido che non tiene la mani a posto, come il ragionier Filini quando chiede: "e questa leva a cosa serve?" e tirandola succede un casìno...
  12. baron_munchausen

    Sono tornato ............

    Riguardo alla televisione, credo proprio che sia cambiata sia la stessa che noi. Anche io la guardo veramente poco, salvo qualche programma ogni tanto che mi interessa. Però, come ho detto, anche noi siamo cambiati, con il tempo. Certamente da bambini e ragazzini era molto più facile intrattenerci davanti allo schermo televisivo.
  13. baron_munchausen

    Un pupazzetto

    Ne ho uno io qui, però si tratta di un asinello in formato "mignon", di soli quattro centimetri di altezza, oltre alla base. Premendo il fondo della base, il pupazzetto si affloscia proprio come descritto. Rilasciandolo, i fili tornano in tensione e l'asinello si rialza...
  14. baron_munchausen

    STORIA INCREDIBILE

    Sono d'accordo. Però se è vero che il passato di tutto è "registrato" o "congelato" da qualche parte, e quindi in qualche modo si potrebbe "riavvolgere il nastro" ad un certo punto del tempo e poter rivedere situazioni o riviverle ritrovando ciò che è stato, anche fisicamente, purtroppo non possiamo invece cancellarlo. Però è possibile - se esiste il libero arbitrio - cercare di migliorare il futuro, partendo proprio dal presente.
  15. baron_munchausen

    Non solo Orzoro

    Immagino che la prima immagine qui inserita, "l'orzo 3 gobbetti" sia proprio una confezione di orzo macinato, a differenza di Orzoro della Nestlé che invece è praticamente in polvere? Comunque è vero, Orzoro esiste ancora e pure io ogni tanto lo uso, nel latte. Ne ho sempre una confezione in un mobiletto in cucina. Invece, parlando di orzo macinato, in un tempo ormai assai lontano (più ancora di Guerre Stellari prima serie) mio nonno acquistava in una storica drogheria in paese - defunta ormai pure essa - dell'orzo macinato, che veniva tritato e poi messo in un sacchetto di carta dai droghieri stessi. A casa, la nonna lo utilizzava poi per preparare il caffé d'orzo. Una bevanda che ancora adesso mi piace riassaggiare quando capita, anche se qui a casa non lo facciamo più abitualmente come invece succedeva un tempo. All'epoca la nonna lo versava poi in una caffettiera "stile western", una specie di bricco con il coperchio, smaltato con vernice bianca. Oggetto ormai perso nelle pieghe del tempo.
×