Jump to content
Sign in to follow this  
Michele San Pietro

Il Quarto Colore Del Semaforo

Recommended Posts

Prendo spunto da questo topic, che mi ha fatto tornare in mente un tormentone riguardante i semafori a Torino.

 

Non parlero' di un probabile quarto colore, ma bensi' del temutissimo DOPPIO ROSSO , agli incroci.

 

La sincronia era un po' scarsa e si rimaneva inchiodati al semaforo rosso per tutte le vie dell'incrocio.

 

Strombazzamenti vari, nervosismo, pensieri tragici del tipo "si e' bloccato il semaforo e adesso chi passa? "...........................sara' stato solo un problema di Torino ?

 

:(

Share this post


Link to post
Share on other sites

Per quanto riguarda Torino, che ovviamente non è la mia città e che conosco poco, semmai avrei un appunto da fare circa l'assoluta mancanza di semafori che c'è nella zona della Stazione di Porta Nuova... o forse li hanno messi recentemente?

 

Saluti a tutti i forumisti - Michele.

Share this post


Link to post
Share on other sites
caulfield    0

:angry: Michele, tra cuccioli di piccioni e 4 colori al semaforo mi fai diventar matto. :angry: Gli darei più che un colore, i campanelli della slot machine. Gli altri tre si spengono e devi tentare la fortuna. Ciao

Share this post


Link to post
Share on other sites
gilette    0

gianni rodari in una sua dolce fiaba aveva immaginato un semaforo con la luce blu.

questo semaforo restò su quel colore solo poche ore prima di essere riportato alla normalità.

ma a chi gli chiese come mai avesse scelto quel colore disse che era un segnale di via libera affinche ci si potesse mettere a volare nel cielo

Share this post


Link to post
Share on other sites

Bellissima la tua citazione, caro Gilette...

 

Credo che il semaforo blu di cui parla Rodari sia la grande occasione della nostra vita, che può riguardare tanti campi diversi e capita una volta sola...

 

Sta a noi sfruttarla prima che quella meravigliosa luce, che di solito ha una durata brevissima, si spenga...

 

Tanti cari saluti - Michele.

Share this post


Link to post
Share on other sites

qui in Giappone i verdi dei semafori erano originariamente proprio blu, ma la scarsa visibilita' del colore ha fatto si' che li cambiassero nei molto piu' visibili verdi.

Il fatto e' che il nome per il verde dei semafori e' rimasto "blu= aoi".

Infatti una delle reazioni piu' comuni degli stranieri a un angolo di strada e freschi di Giappone e' proprio: "Ma come blu?! Se e' verde!" :)

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest gommosa   
Guest gommosa

mangiapanini, abiti davvero in giappone tu???

che bello, io sono appassionata del giappone, colpa di jeeg. :lol:

ciaooooo

Share this post


Link to post
Share on other sites

gommosa, dillo a me: una delle ragioni per aver mollato tutto ed essere venuto qua sono proprio stati... i cartoni animati giapponesi!

Sai com'e`: si comincia con i cartoni, la cosa continua all' universita`, andando a studiare cosa fanno gli architetti giapponesi, si condisce con un po' di corsi di lingua... Ed eccoci qua, a 10mila chilometri da casa! ;)

 

Scherzo, ma chissa` poi quanto e` lontano dalla verita`?... :lol:

 

Piccola nota critica: le colonne sonore dei cartoni giapponesi originali sono TERRIBILI. Onore al merito ai vari Oliver Onions e compagnia bella per aver trasformato le colonne sonore originali in piccoli pezzi d'arte sonora! B)

Share this post


Link to post
Share on other sites
caulfield    0
gianni rodari in una sua dolce fiaba aveva immaginato un semaforo con la luce blu.

questo semaforo restò su quel colore solo poche ore prima di essere riportato alla normalità.

ma a chi gli chiese come mai avesse scelto quel colore disse che era un segnale di via libera affinche ci si potesse mettere a volare nel cielo

Per non dimenticare

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il buon Simone, indimenticabile nella sua timidezza, nella sua educazione, nel suo amore per le cose semplici.

Scriveva poco ma lasciava il segno.

 

Varda in gio´, amis!

Share this post


Link to post
Share on other sites
guimug    0

Piccola nota critica: le colonne sonore dei cartoni giapponesi originali sono TERRIBILI. Onore al merito ai vari Oliver Onions e compagnia bella per aver trasformato le colonne sonore originali in piccoli pezzi d'arte sonora! ;)

Potrei farti del male :blink::P !!!!!!!! Uno dei miei desideri sarebbe poter stringere la mano a Wada Kanako, mirabile interprete di pezzi quali "Natsu no miraju" o "Ano sora o dakishimete"

 

Per quanto riguarda i semafori ho visto che avete nominato Torino, dei semafori di quella città ricordo soprtattutto la lunghezza quasi tripla delle varie segnalazioni che ti costringevano ad attese interminabili davanti ad un rosso se lo beccavi ma ti davano più sicurezza se vedevi scattare il verde da una certa distanza........l'esatto contrario del "cogli l'attimo!!!" di Milano.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest ettorx   
Guest ettorx

Scusate forse è OT ma pensate a come sarebbe straordinariamente bello se la sequenza dei colori fosse invertita per cui appaiati in doppia fila (meglio tripla) si spegne il rosso si accende il giallo e tra i 5 e i 9 secondi si accende il verde. Ma ci pensate alle sgasate, alle tonnellate di copertoni sull'asfalto, allo sguardo con la coda dell'occhio all'avvers.... all'altro automobilista. :D:);)

Share this post


Link to post
Share on other sites
Sign in to follow this  

×