Jump to content
Sign in to follow this  
1960

Semi-quiz televisivo

Recommended Posts

1960    0

Lo dico sempre che molti miei ricordi sono televisivi.

Anche perchè, le immagini mi riportano a tutto quello che c' era attorno in quel tempo.

E dunque.......

 ....questa vecchia sigla ricorda qualcosa a qualcun altro ?

Non è facilissimo.

Si tratta di una serie di telefilm inglesi.

Qui da noi ( che sappia io ) passò una volta soltanto in rai.

In rai anche perchè non esistevano ancora le private.

Il titolo, non fu tradotto in modo letterale.

Non si trova molta traccia della versione italiana che fu così effimera.

Infatti, quella qui sopra è la sigla originale britannica.

Ma, immagini e tema musicale sono stati quelli anche quando la serie passò qui da noi.

 

 

Edited by 1960

Share this post


Link to post
Share on other sites

Potrebbe darsi che ci sia un ricordo nel mio caso, guardando la sigla. Tuttavia non ne sono sicuro: all'epoca anche io come molti altri ragazzini passavo ore davanti al televisore di casa, quando non dovevo fare i compiti scolastici. Penso di aver visto, almeno parzialmente, talvolta di sfuggita, un sacco di programmi che ora proprio non rammento più di aver conosciuto. Certamente, se questo fosse il caso, tali telefilm non erano di sicuro tra le serie più conosciute, comparse in televisione anche negli anni successivi. Però, come ho detto, a volte certe sensazioni riaffiorano guardando immagini o filmati. Onestamente, non saprei dire di più.

Share this post


Link to post
Share on other sites
1960    0

Qualche altro dato.

La serie fu trasmessa in italia nel 1971, in orario serale.

Per ambientazione, comico-paranormale-giallo ( !! ).

Diremo, che venticinque  anni fa ( circa ) una delle televisioni mediaset presentò qualcosa di simile, sicuramente questa produzione italiana era ispirata alla precedente britannica.

Uno dei caratteri secondari, fu in questo caso addirittura Max von Sydow .

E non dovete pensarlo come il crociato di Il settimo sigillo, oppure il killer di I tre giorni del Condor.

Il telefilm, quello italiano, andava molto più sul comico del riferimento inglese.

Un paio di giorni, e sveliamo il mistero.

 

Edited by 1960

Share this post


Link to post
Share on other sites
clopat    0

Eccomi,"L'amico fantasma"e il remake di Mediaset era"Professione fantasma

 

Edited by clopat

Share this post


Link to post
Share on other sites
1960    0

Esatto.

Come dicevamo " Il mio amico fantasma " passò in italia nel 1971.

A me piaceva.

Mi pare di ricordare che fu trasmesso sul secondo canale, di sicuro la sera.

Prodotto in inghilterra nel '69,  si intitolava in originale Randall&Hopkirk ( Deceased ).

Randall&Hopkirk ( Deceased ) è la ragione sociale di una piccola agenzia di investigazione britannica.

In realtà, durante la prima parte del primo episodio, l' agenzia si chiamerebbe ancora Randall&Hopkirk.

Ma Hopkirk pensa bene di farsi accoppare dopo una ventina di minuti dalla siga di testa.

Viene investito a tradimento ( " l' attimo " è visibile nella sigla stessa più in alto, verso il secondo 0,08 ) da alcuni tipi loschi sui quali stava indagando.

Come dire, " troppe cose sapeva ".

E così lui diventa il " Deceased " nella nuova ragione sociale.

Sembrerebbe uscito ignomignosamente e definitivamente di scena nel primo episodio Hopkirk, con buona soddisfazione di chi l' ha mandato dall' altra parte.

Ma non è così.

Quasi subito, i tempi televisivi sono incalzanti, lui si manifesta in forma spettrale al suo ancor vivo socio Randall.

Seguono cinque minuti, non di più sempre a causa ed in ossequio dei tempi televisivi, di convincimenti e dimostrazioni del suo nuovo status ad uso dello stupito e poco convinto ( inizialmente ) socio superstite.

Vediamo dunque Hopkirk allo stato etereo, e vestito rigorosamente con un completo bianco -compresa la cravatta- sfruttare le sue appena acquisite prerogative spettrali per condurre una serrata indagine e scoprire cosa si cela dietro la sua prematura dipartita.

Con l' aiuto del " braccio vivente " il frastornato detective Randall, riuscirà a beccare i cattivi che.......ce l' hanno mandato.

E vissero tutti felici e contenti.

Be' proprio tutti, direi di no.

Il primo episodio si conclude con un piccolo colpo di scena.

In effetti il buon fantasma Hopkirk , dovrebbe seguire alcune semplici regole.

Essendo uno spettro, dovrebbe ad esempio girarsene solamente di notte, si sa.

E dovrebbe rientrare ( dove ?? ) entro un orario preciso codificato.

Ma per beccare chi l' ha mandato all' altro mondo, l' ultima sua uscita si protrae oltre il consentito.

Ogni cosa ha le sue conseguenze.

Sempre.

La sua violazione alla libera uscita spettrale, lo porterà a non poter rientrare ( ?? ) per i cento anni successivi.

Lasciandolo così libero di assistere da socio occulto ( è proprio il caso di dirlo ), il collega ed amico Randall, in molte indagini ancora durante la serie.

Va precisato che solamente Randall può vedere e discorrere piacevolmente con il defunto Hopkirk.

Con qualche occasionale eccezione, però.

Come qui sotto, non ricordo bene chi sia il tizio ( un po' sbronzo ) al quale gli riesce di manifestarsi.

E che cerca di convincere della propria natura spettrale, mi sembra tanto di vedere la Strega Nocciola che tenta di dimostrare a Pippo che le streghe esistono per davvero.

Questi siparietti ogni tanto capitavano.

 

Anni dopo l' idea fu ripresa proprio qui da noi.

Credo negli anni '90 fu prodotta una serie simile, per esser diffusa da una berlusconiana tv.

Gli autori che sicuramente ben si ricordavano come me di " L' amico fantasma ", introdussero però quegli adattamenti tali da ricavarne un prodotto originale.

Anche questa volta l' investigatore privato di turno non arrivava vivo alla fine della prima puntata, perchè detentore di informazioni per qualcuno scomode.

Lui era interpretato da uno stralunato Massimo Lopez, che non lascia però un socio, ma una fidanzata che prenderà il suo posto.

Inizialmente per chiarire le circostanze della dipartita, e manco a dirlo  ci riuscirà pure.

Visto poi che la prima indagine d' esordio le è andata così bene, lei decide di continuare e tenere in attività la scalcinata agenzia investigativa lasciata suo malgrado e forzatamente dal fidanzato.

Seguono episodi con delitti ed indagini varie, dove la neo-detective viene assistita dal........suo spirito guida.

Solo che lei non lo sa.

Lopez fantasma infatti non è in grado di scegliere a quale fra i viventi può manifestarsi.

Anzi, succede con chi non vorrebbe, ed in modo incompleto.

La quasi suocera che quando lui era vivo non lo stimava molto, e a dirla tutta l' opinone non è mutata granchè neppure dopo il di lui trapasso, lo può vedere ma non riesce a sentirlo ( immancabili situazioni comiche ).

Il giovane figlio di un commissario di polizia, il quale sostanzialmente concorda con l' opinione  della quasi suocera sul quasi genero defunto, può solo sentire parlare lo spettro, ma non lo vede per niente.

Il fantasma Lopez è uno spettro un tantino disadattato alla sua nuova condizione.

Quindi è solito frequentare lo studio di uno psicanalista dell' altro mondo.

Interpretato da Max von Sydow .

Molto professionale nella sua veste di analista di anime trapassate e stressate, lui compare per qualche minuto alla fine di ogni puntata.

Non si può dire che i suoi responsi siano granchè risolutivi.

Ed alla fine di queste breve sedute, immancabilmente, rispedisce Lopez spettro sulla terra, lasciandolo cadere attraverso le nubi ( mi ricorda Angelino che però si tuffava da solo ).

E senza preavviso che possa definirsi tale.

La seduta di analisi è finita, e lui lo rimanda giù facendolo scivolare dal lettino del suo studio che prende ad inclinarsi inesorabilmente a mo' di scivolo......

Edited by 1960

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

×